Blockchain role for certifications and use cases

Share this article:

Technology at the service of guaranteeing transparency

Over time, the word Blockchain has become increasingly synonymous with guaranteeing transparency in the world of product or service certifications. Its technology has been studied and adapted to different business applications so that its use could bring improvements and surplus of certified quality shared by producers, consumers and all market players.

In general, it is a technology that is open and without barriers to entry, serving transparent information that can be independently verified by anyone, a real distributed ledger over a computer network (and protected by a series of complexes algorithms) as a guarantee of integrity and security certification, against counterfeiting or manipulation of the data entered.

In this regard, it is essential to understand that there are two facets of the Blockchain system that define:

  • Blockchain Permissionless: provides for the absence of exclusive and pre-selected actors that can act as validators to the system.
  • Blockchain Permissioned: provides for the presence of one or more pre-selected actors that perform the exclusive function of validator in the network.

In general, while the giants are still testing pilot projects, there are startups that, seeing innovation, immediately implemented the Blockchain technology making it an integral part of their core business.

Blockchain certificates and use cases

The world of certifications covers a wide range of sectors. Just think that a certificate is nothing more than a collection of information and that this, in the era of the Internet, has become increasingly essential and valuable as the basis of any system.

We talk about certificates to guarantee the origin of the products and their composition, to prove our school career in view of a job interview, to internally monitor a company activity, but also to authorize certain situations … In short, wherever there is a need to collect data in a transparent and public way, the Blockchain can make its  tamper proof contribution.

qr-code_scanning

Made in Certificate:

With global outsourcing, being able to preserve and guarantee the made in (certificate of origin) on the final product is, for a production company, the foundation of its existence even in terms of brands. Today, it is possible, in fact, that raw materials or manufacturing components, but also the sale to the final customer, through online sales or in stores, may come from or be entrusted to third parties.

The made in blockchain certificate guarantees not only the origin of the product, but codifies the process that can involve all the other subjects belonging to the supply chain of the same product, guaranteeing the traceability of data.

The end customer can verify through the scan of the QR Code affixed to the label, or through another system, the origin or the certificate of origin of the product or brand, directly on blockchain.

At the same time, the producer can insert all the information he wishes, to make his original campaign  in total transparency.

The supply chain certificate

The entire blockchain-certified supply chain is a real transmission of updated data along the chain that involves all the actors and companies during the entire process. The technology, in fact, guarantees a high level of traceability and security of online transactions, ensuring product traceability along the production and distribution chain.

It is a question of inserting not only the made in and therefore the origin of the brand and the product, but also all the data relating to the companies that deal with the transport, manufacture of components, processing, packaging as well as the distribution and sales that contribute to the realization of the finished product that will reach the consumer, all using the same Blockchain.

An apparently complex process if you imagine it adopted by global companies like car manufacturers or fashion companies, which should involve all their suppliers from different parts of the world. Much simpler when it comes to entrepreneurial realities with local and internal production or innovative startups which, as already said, integrate it directly into their core business.

Companies that use Blockchain, such as EarthBi, make available a technological tool that certifies the safety of the finished product or of the material sold thanks to the possibility of affixing a digital marking which, based on the level of sophistication of the blockchain, can also allow geo-location of the product, further protecting the final consumer.

Moreover, if the purchaser of the certified material is another production or processing company or a simple retailer, the diffusion of the certification system guaranteed by the Blockchain technology can invite them to participate in the chain by continuing to enter data on the product purchased, processed and sold to the end user.

Digital document certificate

Even digital documents have become real products that imply the inclusion of data certified by specific bodies, authorized or not that, thanks to the encrypted Blockchain method based on a mathematical system rather than a human one, can be safe and transparent and therefore reliable.

With digital documents we can mean a simple pdf, image but also projects, music and video, as well as the digital representation of a degree diploma.

A blockchain certification on these documents can also ensure copyright protection against counterfeiting or unauthorized duplication.

Not only that, some Universities have mobilized to adopt the Blockchain on which they record the degrees and integrative studies of the students in order to favor the internalization of the student careers among the universities involved.

 

EarthBi: https://earthbi.io 


Leggi l’articolo in italiano:

 

Il ruolo di Blockchain per le certificazioni e i casi d’uso  

La tecnologia al servizio della garanzia di trasparenza

La parola Blockchain è diventata nel tempo sempre più sinonimo di garanzia di trasparenza nel mondo delle certificazioni di un prodotto o servizio. La sua tecnologia è stata studiata e adattata alle diverse applicazioni aziendali affinché il suo utilizzo potesse apportare miglioramenti e surplus di qualità certificata condivisi da produttori, consumatori e tutti i soggetti del mercato.

In generale, si tratta di una tecnologia aperta e senza barriere all’ingresso, al servizio di un’informazione trasparente, verificabile in modo indipendente da chiunque, un vero e proprio registro distribuito su una rete di computer (e protetta da una serie di complessi algoritmi) come garanzia di certificazione di integrità e di sicurezza, contro la contraffazione o manipolazione dei dati inseriti.

A tal proposito, è essenziale comprendere che esistono due sfaccettature del sistema Blockchain che definiscono:

  • Blockchain Permissionless (senza permesso): prevede l’assenza di attori esclusivi e preselezionati che possano fare da validatori al sistema.  
  • Blockchain Permissioned (con permesso): prevede la presenza di uno o più attori preselezionati che svolgono la funzione esclusiva di validatore nel network.

In generale, mentre i colossi testano ancora progetti pilota, sono state le startup che, vedendo l’innovazione, hanno implementato fin da subito la tecnologia della catena dei blocchi rendendola parte integrante del proprio core business.

I certificati Blockchain ed i casi d’uso

Il mondo delle certificazioni copre una vasta gamma di settori. Basti pensare che un certificato altro non è che un insieme di informazioni e che le stesse, in quest’era di internet, sono diventate sempre più essenziali e preziose come base di qualsiasi sistema.

Si parla di certificati per garantire l’origine dei prodotti e la loro composizione, per provare la propria carriera scolastica in vista di un colloquio lavorativo, per monitorare internamente la propria attività aziendale, ma anche per autorizzare determinate situazioni… Insomma, ovunque ci sia la necessità di raccogliere dati in modo trasparente e pubblico ecco che la Blockchain può dare il suo contributo a prova di manomissioni.

qr-code_scanning

Certificare il made in:

Con l’outsourcing globale, riuscire a conservare e garantire il made in (certificato di provenienza) sul prodotto finale, è per un’azienda di produzione fondamento della propria esistenza anche in termini di brand. Oggi è possibile, infatti, che materie prime o componenti di fabbricazione, ma anche la vendita al cliente finale, tramite vendita online o negli store, possano provenire o essere affidati a terze parti.

Il made in certificato blockchain garantisce non solo la provenienza del prodotto, ma codifica il processo che può coinvolgere tutti gli altri soggetti appartenenti all’intera filiera dello stesso prodotto, garantendo la tracciabilità dei dati.

Il cliente finale potrà verificare attraverso lo scan del QR Code apposto sull’etichetta, o un altro sistema, la provenienza o il certificato d’origine del prodotto o del brand, direttamente su blockchain.

Il produttore, nello stesso tempo, potrà inserire tutte le informazioni che desidera così da rendere la sua campagna di originalità in totale trasparenza.

Certificare la catena di approvvigionamento di un prodotto

L’intera filiera certificata blockchain è una vera e propria trasmissione di dati aggiornati lungo la catena che coinvolge tutti gli attori e aziende durante l’intero processo. La tecnologia, infatti, garantisce un alto livello di tracciabilità e sicurezza delle transazioni online assicurando la tracciabilità del prodotto lungo la filiera di produzione e distribuzione.

Si tratta di inserire non solo il made in e quindi la provenienza del brand e del prodotto, ma anche tutti i dati relativi alle aziende che si occupano del trasporto, fabbricazione di componenti, lavorazione, imballaggio fino alla distribuzione e vendita che contribuiscono alla realizzazione del prodotto finito che raggiungerà il consumatore, il tutto utilizzando una stessa Blockchain.

Un processo apparentemente complesso se si immagina adottato da imprese globali come case automobilistiche o aziende di moda, che dovrebbero coinvolgere tutti i loro fornitori provenienti da diverse parti del mondo. Molto più semplice quando invece si tratta di realtà imprenditoriali con una produzione locale ed interna o di innovative startup che, come abbiamo detto, la integrano direttamente nel proprio core business.

Le imprese che utilizzano Blockchain, come EarthBi, mettono a disposizione uno strumento tecnologico che certifica la sicurezza del prodotto finito o del materiale venduto grazie alla possibilità di apporre una marcatura digitale che in base al livello di sofisticazione della blockchain può anche permettere la geo-localizzazione del prodotto, tutelando ulteriormente il consumatore finale.

Non solo, se l’acquirente del materiale certificato è un’altra azienda di produzione o di lavorazione oppure un semplice rivenditore, la diffusione del sistema di certificazione garantita dalla tecnologia Blockchain li può invitare a partecipare alla catena continuando l’inserimento dati sul prodotto acquistato, trasformato e venduto all’utilizzatore finale.

Certificare i documenti digitali

Anche i documenti digitali sono diventati dei veri e propri prodotti che sottintendono l’inserimento di dati certificati da enti specifici autorizzati e non e che, grazie alla modalità crittografata di Blockchain che si basa su un sistema matematico anziché umano, possono risultare sicuri e trasparenti e quindi attendibili.

Con documenti digitali si può intendere un semplice pdf, immagine ma anche progetti, musica e video, fino alla rappresentazione digitale di un diploma di laurea.

Una certificazione blockchain su questi documenti può assicurare anche la tutela sui diritti d’autore contro la contraffazione o la duplicazione non autorizzata.

Non solo, alcune Università si sono mobilitate per adottare la Blockchain su cui registrare le lauree e titoli di studi integrativi degli studenti così da favorire l’internalizzazione delle carriere degli studenti tra gli Atenei coinvolti.

 

EarthBi: https://earthbi.io 

Leave a Comment